Ricerca nell'archivio articoli




STORIA02 Aprile 2020

Festa della liberazione o della libertà ? Una riflessione (Roberto Nicolick) Nel 1994 il Governo Berlusconi – Lega – AN – CCD – UDC eletto il 28 marzo di quell'anno, e anche quelli successivi di centro destra compresero di doversi confrontare con una sinistra comunista aggressiva e attiva, anche se sconfitta dal voto degli Italiani, in particolare le sinistre che da sempre, avevano monopolizzato la Resistenza, liquidando i partigiani che non erano allineati con il pensiero comunista, iniziarono ad usare la festa come una opportunità per scendere in piazza, non solo a festeggiare, ma anche e soprattutto ad opporsi in modo violento e a coagulare attorno alle bandiere delle brigate Garibaldi, comuniste, una attività di piazza contro il governo in carica, come è prassi, chi non è con loro, è definito fascista e i spin doctor del pensiero comunista, cucirono addosso ai Governi di centro destra la casacca per loro infame di...LEGGI TUTTO

Il dottor Francesco Negro di Savona (Roberto Nicolick)STORIA02 Aprile 2020

Il dottor Francesco Negro di Savona (Roberto Nicolick)   Francesco Negro, medico antifascista, ucciso per aver aborrito le esecuzioni sommarie dei partigiani comunisti nel Savonese. Dopo il 25 aprile 1945 iniziarono in tutto il Savonese le vendette, spesso personali, seguite da ruberie ed esecuzioni sommarie a danno di presunti fascisti, effettuate da partigiani comunisti i quali con l’uso delle armi avevano creato un nuovo status quo, sanguinario e terroristico. Non tutti gli antifascisti, erano d’accordo con questo tipo di comportamenti che ben poco avevano a che fare con la Resistenza e che al contrario avevano molto del criminale. Uno di questi era un medico, di fede socialista, antifascista e molto amato dalla gente, personaggio autorevole presso il C.N.L. : Francesco Negro, quarantaseienne, nativo di Quiliano, Presidente della Croce Rossa. Negro persona per bene, onesto e corretto, in qualità di Ufficiale Sanitario presso il Comune di Savona stilava ...LEGGI TUTTO

ANCHE QUESTA E' RESISTENZA? UN RICORDO DELA STRAGE DI CADIBONA (Roberto Nicolick)STORIA02 Aprile 2020

Anche questa è Resistenza? (Roberto Nicolick) (il prof. Nicolick sul luogo della strage) Questa strage, di cui tutti a Savona tendono a non parlare, avvenne a maggio 45, precisamente il giorno 13 , alle ore 17,30, a lato di una curva della strada provinciale 29, al Km 141, questo tratto porta dall’abitato di Cadibona a Savona capoluogo. In questo orribile eccidio furono “giustiziate”, o meglio assassinate, 39 persone di sesso maschile, di età variabile dai 17 anni sino ai 67 anni. Non tutti ammazzati, sul luogo principale dell’esecuzione, ma altri in luoghi e in momenti diversi: Piana Crixia e Altare. Ecco i fatti: mentre sta per crollare il Regime Fascista Repubblicano, tutti coloro che hanno avuto rapporti con il governo, preparano l’evacuazione dai centri urbani, in direzione Nord, per raggiungere zone più sicure e sfuggire alle formazioni partigiane che stavano avvicinandosi alle città. Da Savona, un’autocolonna...LEGGI TUTTO

MARIO MOLFESE ( a cura di Barbara Spadini)ALI D'ITALIA (iin memoria dei piloti della Repubblica sociale italiana) 02 Aprile 2020

Manlio Molfese Manlio Molfese (Albano di Lucania, 20 settembre 1883 – Roma, 25 aprile 1969) è stato un militare e aviatore italiano. Pilota pluridecorato di grande esperienza del Servizio Aeronautico del Regio Esercito durante la prima guerra mondiale, con la fine del conflitto ritornò alla vita civile ricoprendo l'incarico di Capo Servizio del Traffico Aereo al Ministero dell'Aeronautica (1924-1933), Commissario della Federazione nazionale Fascista della Gente dell'Aria e Presidente della cassa Nazionale di Previdenza della Gente dell'Aria. Allo scoppio della seconda guerra mondiale si arruolò volontario nella Regia Aeronautica, ricoprendo vari incarichi di carattere amministrativo anche in zona di operazioni. Dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 aderì alla Repubblica Sociale Italiana, ricoprendo l'incarico di Sottosegretario di stato per l'Aviazione. Biografia Nacque ad Albano di Lucania il 20 settembre 1883 figlio di Arcangelo, di profes...LEGGI TUTTO

FASCISTI FUORI STAGIONE (Ettore Malcangi) STORIA02 Aprile 2020

Fascisti fuori stagione (Ettore Malcangi) Talvolta ripenso al passato e mi abbandono ai ricordi: mio padre, classe 1901, volontario in entrambe le guerre mondiali, aderente ai Fasci dal Marzo del ‘19, mai pentito delle sue scelte (la foto è del ‘44), fu sempre per me un modello di stile di vita, sobrio e dedito al dovere, mi insegnò il valore della lealtà e della coerenza, nel dopo guerra, a prescindere dalle proprie personali difficoltà, si adoperò per aiutare i Camerati in difficoltà di cui ricordo solo il Generale Fiaschi, comandante della difesa antiaerea della RSI e un certo Emain, ex sottosegretario alle finanze di Petain ma per casa era un continuo andirivieni di ufficiali od ex ufficiali suoi amici, mi insegnò lui stesso l’uso delle armi sin da bambino ma soprattutto mi insegnò quando e in quali circostanze fosse giusto e legittimo il loro uso e mi fece giurare che avrei sempre difeso la mia Patria e ...LEGGI TUTTO

SANGUE DEI VINTI IN SARDEGNA: IL PROF. MURGIA ASSASINATO DAI COMUNISTI DI GUSPINI (Angelo Abis)STORIA02 Aprile 2020

Sangue dei vinti in Sardegna: il professor Murgia assassinato dai comunisti di Guspini (Angelo Abis) La sera del 30 agosto 1947, nella piazza adiacente la chiesa di San Nicolò a Guspini, il professor Antonio Murgia, libero docente della Facoltà di Medicina, nonché direttore dei laboratori di igiene e profilassi della provincia di Cagliari, si attardava a chiacchierare col medico condotto del paese Giovanni Camoglio e col geometra Silvio Saba. All’improvviso, verso le 21,15, una mano ignota staccò la corrente che alimentava l’illuminazione della piazza e, in contemporanea, uno sconosciuto lanciava un potente ordigno esplosivo (una bomba a mano offensiva “Breda”) contro i tre. Per Murgia non ci fu nulla da fare: morì all’istante dilaniato dall’esplosione, Camoglio rimase accecato a un occhio, mentre Saba riportò ferite di minore entità. Per caso assistette alla scena il car...LEGGI TUTTO

NUOVE DAL CONFINE ORIENTALE (Fabio Calabrese)FOIBE E DINTORNI02 Aprile 2020

Nuove dal confine orientale   (Fabio Calabrese)   Il 17 marzo è un giorno particolare. Per molti è semplicemente il giorno di San Patrizio, santo patrono dell'Irlanda e, in base a un'iniziativa peraltro partita dagli Stati Uniti, il che dovrebbe già costituire un motivo di diffidenza, è diventata una specie di festa internazionale del mondo celtico e di chi a esso in varia misura si ispira. Il St. Patrick's Day che spesso assume aspetti carnevaleschi. Quanto poi la ricorrenza di un santo cattolico che con la cristianizzazione ha contribuito non poco a illanguidire ed estinguere le tradizioni native dei popoli europei, sia appropriata per celebrare l'identità etnica dell'Irlanda, del mondo celtico o di chicchessia, è cosa che lascio alla vostra riflessione. Tra i molti che si ispirano in vario grado al celtismo, ce ne sono certamente alcuni che lo declinano in senso “padano” come rivendicazione di una presunta identi...LEGGI TUTTO

L'EPOCA DELL'ULTIMO UOMO (Flores Tovo)PENSIERO03 Ottobre 2019

L’EPOCA DELL’ULTIMO UOMO: esistenza inautentica dell’uomo che non genera più stelle     (Flores Tovo)   Nella “Prefazione” dello “Zarathustra” Nietzsche annuncia l’avvento del superuomo (1). Tuttavia nel paragrafo 5 (2) della stessa “Prefazione”, il profeta Zarathustra, rivolgendosi al popolo che brulicava nel mercato, parla ad esso di “quanto vi è di più spregevole”, ossia dell’ultimo uomo: una figura alquanto significativa, sebbene trascurata, se non ignorata dalla critica filosofica. Ma chi è questo “ultimo uomo” che viene presentato come l’effettiva contrapposizione esistenziale, in un vero senso logico-speculativo, nei confronti del superuomo?  Il filosofo ne parla con termini angosciati, poiché  dice che “si avvicina il tempo in cui l’uomo non genererà più stelle”.  Il tempo che sar...LEGGI TUTTO

LA SOCIETA' DELL'ASSURDO (Adriano Tilgher)ATTUALITA'-GEOPOLITICA03 Ottobre 2019

La società dell'assurdo   (Adriano Tilgher) Certe volte mi sembra di vivere in un tempo non mio; tutto quello che per me è normale per chi gestisce i mezzi di comunicazione è assurdo e piano piano la gente si convince che è assurdo e, siccome dicono che viviamo in democrazia e i più si convincono che l’assurdo è normale, viviamo in una realtà che secondo me è falsa e distorta. Per esempio, fra poco più di un mese dovremo andare a votare per rinnovare il parlamento europeo, per lo meno così dicono, ma questo credo che sia vero. Infatti voteremo per un parlamento che realmente si chiama europeo. Dopo però ci vogliono far credere, ed in tanti ci credono, che votiamo per l’Europa, ma questo è falso per tanti motivi. Infatti se parliamo dell’Europa geografica in quel parlamento mancano pezzi importanti di Europa, come ad esempio la Russia e la Svizzera, se parliamo dell’Euro...LEGGI TUTTO

GENERALE DOMENICO MITTICA (Luca Bonanno)STORIA03 Ottobre 2019

Generale Domenico Mittica     (Luca Bonanno) Domenico Mittica nasce l’11 aprile 1894 a Sant’Ilario dello Jonio, un paese della provincia di Reggio Calabria. Figlio di una Calabria molto povera, dove forte era il fenomeno dell’emigrazione, comandata politicamente dai socialisti, con qualche rara roccaforte cattolica soprattutto nel cosentino.                    Le sue prime notizie si hanno con l’entrata dell’Italia nella Grande Guerra dell’Italia dove con il grado di sottotenente di completamento di fanteria arriva il 17 agosto 1915 in territorio dichiarato in stato di guerra. L’anno successivo partecipa alla battaglia del Monte Cengio dove, il 3 giugno, viene fatto prigioniero. Durante questa battaglia ottiene la prima decorazione: la Croce di Guerra al Valor Militare con la seguente motivazione: “Mittica Domenico, da Sant’Ilario de...LEGGI TUTTO

UNA COMMISSIONE STUDI SULLE MAROCCHINATE (Davide Caluppi)MAROCCHINATE03 Ottobre 2019

Una commissione studi sulle Marocchinate   (Davide Caluppi)   La triste e vergognosa vicenda delle Marocchinate, una pagine più buie dell’Italia, nell’ultimo anno grazie al lavoro incessante dell’Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate (A.N.V.M.) capeggiata dal presidente Emiliano Ciotti, dal legale romano Luciano Randazzo che ne cura gli interessi, degli studiosi, del gruppo ufficio stampa e dei tesserati che ne fanno parte, hanno portato il loro sapere in ogni sede sulla tematica che vide protagoniste purtroppo le violenze delle truppe coloniali francesi del CEF nella Seconda Guerra Mondiale. Dalla Sicilia sino all’Isola d’Elba una scia continua di violenze, stupri, uccisioni mai viste prima. E’ di questi giorni la notizia della istituzione di una commissione studi sulle Marocchinate voluta, e presieduta, dall’avvocato penalista Luciano Randazzo che a breve inizierà i lavori. Un’idea che portava ...LEGGI TUTTO

IL NULLA REGNA SOVRANO (Mario Michele Merlino)I RACCONTI DEL MAGO ( del prof. Mario Michele Merlino)01 Ottobre 2019

Il Nulla regna sovrano    (Mario Michele Merlino) Citazione dal diario del pittore giapponese tanto caro a Vincent van Gogh. La grande onda e il campo di girasoli si danno la mano in tacita armonia. La grandezza conosce la solitudine e la divina follia, non la distanza dello spazio e delle stagioni. Scrive: “Dall’età di sei anni avevo la mania di disegnare la forma delle cose. Quando ne ebbi cinquanta, avevo pubblicato una infinità di disegni; ma tutto ciò che ho prodotto prima dell’età di settant’anni non è degno di considerazione. A settanta tre anni ho imparato qualcosa circa la struttura reale della natura, degli animali, delle piante, degli uccelli, dei pesci e degli insetti. Di conseguenza, a ottant’anni, avrò fatto ancora altri progressi; a novanta potrò penetrare il mistero delle cose; a cento avrò raggiunto una fase stupenda; e quando ne avrò cento dieci tutto ciò...LEGGI TUTTO

FASCISMO METAFISICO (Ettore Malcangi)IL PUNTO DI VISTA01 Ottobre 2019

       Fascismo “metafisico”     (Ettore Malcangi) Mi posi una domanda molti anni fa, non come nasce l'universo o quando (il come ce lo può dire l’astrofisica e il quando lo possiamo calcolare con una relativamente piccola approssimazione), se per caso o per un atto di volontà (e qui gli scienziati atei si sforzano di attribuire all'energia pura le caratteristiche che le religioni attribuiscono a Dio, cosa che trovo alquanto ridicola perché a questo punto sarebbe solo questione di nome) certo le leggi fisiche che governano l'universo sono la più palese dimostrazione di un'intelligenza che le sottende; la domanda che mi posi è perché e con che mezzi avviene la "creazione" o "Big Bang" se si preferisce (guarda caso la persona principale della Trimurti indù, Brahma significa proprio questo: letteralmente "Grande Vibrazione" da Vrd (vibrazione) + Ma (grande); se ammettiamo che prima di qu...LEGGI TUTTO

LIBERTA' DI PAROLA (Fabio Calabrese)IL PUNTO DI VISTA01 Ottobre 2019

Libertà di parola   (Fabio Calabrese) Sabato 3 novembre 2018. Trieste è una città blindata con il centro intransitabile. Il motivo è il previsto corteo di Casapound e il contro-corteo degli Autonomi e dei Centri Sociali, del solito sinistrume assortito che vorrebbe impedire a quelli di Casapound di manifestare. In mezzo, a separare le due manifestazioni per evitare tafferugli, zone transennate vietate alla circolazione, e uno schieramento di polizia da stato di guerra. Una cosa del genere non è eccezionale, è l'ennesimo riproporsi di un tipo di situazioni a cui ci siamo da tempo assuefatti, al punto che è difficile che ci poniamo la domanda su quanto sia normale tutto ciò. Vorrei precisare in premessa che io non sono di Casapound, ho la fierezza di dire di non avere in tasca nessuna tessera di partito che possa in qualche modo limitare la mia indipendenza di giudizio, e riguardo alla recente attività politica d...LEGGI TUTTO

IL SIMBOLISMO DELLA ROTONDA DI SAN LORENZO IN MANTOVA (Antonio G. Fucilone)ARTI01 Ottobre 2019

Il simbolismo della rotonda di San Lorenzo in Mantova    (Antonio G. Fucilone)   Da appassionato di storia dell'arte, voglio parlarvi del simbolismo della Rotonda di San Lorenzo, chiesa romanica a pianta circolare che si trova a Mantova, in Piazza delle Erbe. Essa fu realizzata nel 1083, sulle rovine di un tempio romano dedicato a Diana Lucifera. La tradizione la attribuisce a Matilde di Canossa (1046-24 luglio 1115). Come ho scritto, questa chiesa ha delle particolarità. Essa è a pianta circolare. Le chiese a pianta circolari hanno una simbologia particolare. Già in epoca romana e nella prima epoca cristiana si facevano edifici a pianta circolare. Un esempio ancora oggi visibile è la Tomba di Galerio, che si trova a Salonicco, la città greca che si chiamava Tessalonica. Galerio (250 DC-5 maggio 311 DC) fu uno degli imperatori romani durante la tetrarchia, dal 293 alla morte. Il suo mausoleo fu trasformato in una chiesa d...LEGGI TUTTO

INCONTRI IMPORTANTI (Antonio G. Fucilone)STORIA01 Ottobre 2019

Incontri importanti   (di Antonio Gabriele Fucilone) A Governolo di Roncoferraro, gli abitanti hanno una certa fierezza nel dire che il re degli Unni, Attila, e San Leone Magno Papa si siano incontrati lì. L'incontro avvenne nel 452. La storia, però, potrebbe essere andata in un modo assai diverso. Lo storico mantovano Gualberto Storti ha fatto delle ricerche che l'hanno portato a sostenere una teoria molto interessante. Secondo questa teoria,  l'incontro tra il Papa (390-10 novembre 461) ed il sovrano unno (406-16 marzo 453) non sarebbe avvenuto a Governolo ma in una località del Comune di Curtatone, Ponteventuno. Storti è uno storico preparato che ha lavorato anche nel Parco Archeologico del Forcello. Egli ha spiegato il tutto anche su "La Gazzetta di Mantova". Io ho anche avuto modo di parlare con lui telefonicamente. Storti si è rifatto alla testimonianza dello storico bizantino di origine gota Jordanes, che visse nel VI secolo...LEGGI TUTTO

LATTUGHE MANTOVANE (Alice Santoro- Francesca Santoro)L'ANGOLO DELLO CHEF, RICETTE DELLA TRADIZIONE ITALIANA ED EUROPEA ( a cura di Alice Santoro e Francesca Santoro01 Ottobre 2019

Le lattughe mantovane   Questi dolci sono la variante della zona lombarda di Mantova delle chiacchiere di Carnevale. Deliziose e facili da preparare sono fritte nello strutto, e queste le rende differenti, come anche l’aggiunta nell’impasto di un bicchierino di Marsala che dà un sapore particolare ai dolci. Un ottimo modo per festeggiare il Carnevale e magari prolungarlo anche oltre preparandole fuori tempo massimo. Ingredienti Farina: 500 gr Zucchero: 500 gr Burro: 30 gr Uova: 3 uova Marsala: 1 bicchierino Limone: 1 Strutto: q.b. Ricetta e preparazione Ecco le istruzioni. Sulla spianatoia sistemate la farina a cratere e mettetevi lo zucchero, le uova, il burro ammorbidito, la scorza del limone e il Marsala, quindi impastate fino a ottenere una pasta liscia e omogenea che farete riposare per circa un’ora coperta da un canovaccio. Dopo il riposo, stendete la pasta molto sottile, quindi tagliatela delle forme che più vi aggrada...LEGGI TUTTO

DICHIARAZIONI E INTENDIMENTI (Barbara Spadini)COMUNICAZIONI ASSOCIATIVE01 Ottobre 2019

Dichiarazioni e intendimenti   (Barbara Spadini)   Il nostro sodalizio è ”associazione culturale”, non movimento militante e/o politico: questo significa che, i membri del gruppo osservano degli intendimenti – dichiarati nello statuto- di tipo intellettuale, riguardanti spirito e mente, pensiero e tradizione, non sbandierati attraverso divise, labari, squadroni o altri inquadramenti militareggianti, né dichiarati in programmi partitici da presentare alle elezioni. Il gruppo cresce e si fortifica attraverso la gestione comune di ricerche, articoli, scritti, eventi che servono ad elevare l’anima e ad alimentare la sete di conoscere senza la quale un uomo è solo un mezzo uomo e che dovrebbero essere comunque alla base anche di ogni azione militante e politica. Non esiste e non può esistere alcuna militanza e alcuna presa di posizione in questo mondo che non sia sorretta da un’opportuna preparazione mentale, da una ...LEGGI TUTTO

ALLA RADICI DELL'ITALIANITA' I parte (Fabio Calabrese)PENSIERO01 Ottobre 2019

Alle radici dell'italianità, prima parte   (Fabio Calabrese)   Questo articolo e il prossimo che seguirà hanno una collocazione un po' particolare, si tratta delle due parti del testo di una conferenza che non sono riuscito a tenere presso la Casa del Combattente di Trieste. Questo, oltre a una serie di reazioni negative che alcuni miei articoli sul medesimo argomento hanno suscitato fra i lettori di “Ereticamente”, dimostra che proprio nei nostri ambienti che si definiscono “nazionali”, c'è talvolta una singolare resistenza ad affrontare la tematica nazionale. Il motivo di ciò non è difficile da comprendere: il capovolgimento di fronte avvenuto durante la seconda guerra mondiale e tre quarti di secolo di repubblica democratica e antifascista ci hanno indotti ad avere un'immagine negativa dell'Italia e di noi stessi. Ma diciamolo pure, è una questione di carattere. Io penso che sia sempre meglio dire le ...LEGGI TUTTO

ANNOTAZIONI LUCIFERINE (Antonio G. Fucilone)PENSIERO01 Ottobre 2019

 Annotazioni luciferine   (Antonio Gabriele Fucilone)   Quando si parla del diavolo si parla di un essere immondo che fa del male e che del male gode. Ora, l'universo diabolico è veramente multiforme che torna ad ossessionare le menti e che, dal Medio Evo ad oggi, è sempre stato oggetto ricorrente nell'arte. Simbolo ricorrente di ciò che è malvagio, anzi del Male per antonomasia, colui che è stato ribattezzato il Maligno non rientra affatto in un luogo comune superato ma la rappresentazione figurata delle forze malefiche all'agguato dentro e fuori di noi. Ora, sorge questa domanda: delitti, rapine, stupri, massacri, meschinità, vigliaccherie, menzogne,  inganni ed ogni altra cosa maligna che l'uomo fa sono frutto del suo pensiero o sono indotti da qualcosa o da qualcuno? In verità, ogni uomo ha in sé un lato buono ed uno oscuro, come il dottor Jekill e mister Hyde. Tuttavia, il diavolo spinge le pass...LEGGI TUTTO